RICORSO PER L’INSERIMENTO NELLA I FASCIA DELLE GRADUATORIE PROVINCIALI CON IL POSSESSO DI LAUREA E 36 MESI DI SERVIZIO

L’ordinanza n.60/2020 prevede la possibilità di inserimento nella I fascia delle GPS (e nella II fascia delle graduatorie di istituto) solo dei docenti in possesso di titolo di abilitazione all’insegnamento.

Tuttavia, il Consiglio di Stato ha recentemente affermato che l’avere svolto attività didattica presso le scuole statali per almeno tre anni (o 180 giorni per tre anni scolastici), è considerato titolo equiparabile alla abilitazione, secondo i principi enunciati nella sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 26 novembre 2014.

Lo Studio intende quindi proporre un ricorso collettivo innanzi al Tar Lazio avverso l’OM 60/2020 finalizzato ad ottenere l’inserimento nella I fascia delle GPS (e nella II fascia delle graduatorie di istituto) di chi, in possesso di idoneo titolo di studio, abbia prestato almeno 36 mesi servizio di insegnamento (oppure 180 giorni di servizio per tre anni scolastici).

INDICAZIONI IMPORTANTI SULLA DOMANDA DI INSERIMENTO NELLE GPS

Vi invitiamo a presentare regolare domanda tramite Istanze on line per l’inserimento nella fascia delle GPS cui avete diritto in base ai titoli posseduti.

Per aderire al ricorso, riteniamo però necessario inviare anche domanda cartacea con cui si richiede l’inserimento nella I fascia delle GPS (e conseguentemente anche nella II fascia delle graduatorie di istituto)

Entro il termine del 6 agosto, dovrete quindi inviare (oltre alla normale domanda on line) anche la domanda cartacea, da indirizzare con raccomandata a/r al Ministero dell’Istruzione ed all’Ufficio Scolastico della provincia i cui richiedete l’inserimento in GPS.

Per aderire al ricorso è necessario scaricare e compilare i seguenti documenti

Procura alle liti (da compilare e firmare)

Scheda informativa (da compilare e firmare)

Autocertificazione servizi svolti (da compilare e firmare)

Modello di domanda cartacea (da compilare, firmare ed inviare con racc.ta a/r entro il 6 agosto)

I documenti compilati e firmati, unitamente a copia del documento di identità e codice fiscale, autocertificazione attestante il servizio svolto, copia della domanda cartacea inviata con ricevuta di spedizione, copia bonifico della quota di partecipazione al ricorso, vanno inviati via mail (in formato PDF) al seguente indirizzo di posta elettronica

info@cslegalnetwork.com

Sarà possibile aderire ENTRO IL 31 AGOSTO 2020

Il ricorso sarà avviato con un numero minimo di 20 ricorrenti.

Successivamente, i relativi originali vanno spediti a mezzo posta raccomandata al seguente indirizzo

Studio Legale

Caudullo&Spataro

Via Canfora n.145

95128 Catania

Il costo di adesione al ricorso è di €150,00 e copre le spese per il giudizio, sia cautelare che di merito, innanzi al T.A.R. del Lazio (resta quindi esclusa l’eventuale fase d’appello innanzi al Consiglio di Stato).

La quota di partecipazione al ricorso va versata a mezzo bonifico bancario al seguente IBAN

IT11N 03062 34210 000002005906

Banca Mediolanum

intestato Avv. Salvatore Marco Spataro – Avv. Dino Caudullo

CAUSALE bonifico: “ricorso GPS 36 mesi … nome ricorrente …”

(NELLA CAUSALE DEL BONIFICO È INDISPENSABILE INDICARE IL NOMINATIVO DEL RICORRENTE)

Tutte le informazioni relative allo stato del ricorso saranno fornite a mezzo e mail all’indirizzo che sarà da voi indicato nella scheda informativa

Scarica qui i documenti necessari per aderire al ricorso:

Procura alle liti

Scheda informativa

Autocertificazione servizi

Modello di domanda cartacea

Potrebbero interessarti anche...